Richiesta Rimborso Interessi Usurai: come fare?

La richiesta di rimborso degli interessi usurai va inoltrata alla banca che concede un affidamento bancario, tutte le volte che si ritiene di essere titolari di un rapporto regolato da un tasso dare superiore rispetto al tasso soglia usura, fissato trimestralmente dalla Banca d’Italia. Non è così raro che negli ultimi tempi le banche vengano accusate di applicare tassi usurai agli affidamenti concessi ai propri clienti, e che di conseguenza vengano loro inoltrate numerose richieste di rimborso degli interessi usurai indebitamente corrisposti. Proviamo a capire un po’ più nel dettaglio di cosa si tratta.

Il tasso di soglia usura è un tasso limite che viene rilevato e reso pubblico trimestralmente dalla Banca d’Italia, su indicazione e mandato del Ministero dell’Economia e delle Finanze, calcolato sulla base dei tassi effettivi globali medi (TEGM) applicati dalle banche per le singole tipologie di affidamento bancario. Gli affidamenti di nuova concessione non possono per leggere avere un tasso finito (TEG) che superi il tasso soglia usura del trimestre in corso. Nella definizione del TEG rientrano anche tutte le spese e le commissioni che possono essere direttamente ricondotte alla concessione degli affidamenti: parliamo di eventuali spese di istruttoria o di incasso rata, commissioni o polizze assicurative, escluse le imposte e i bolli previsti per legge.

A questo punto, verificato che il TEG dell’affidamento bancario in questione sia effettivamente superiore al tasso soglia usura fissato trimestralmente dalla Banca d’Italia, è possibile inoltrare una richiesta di rimborso interessi usurai alla banca che concede l’affidamento, riferendosi direttamente al tasso soglia usura fissato per la forma tecnica in questione.

E’ bene che i calcoli che accompagnano la nostra richiesta di rimborso interessi usurai siano effettuati con estrema precisione, e siano alla base di una attenta analisi finanziaria del fido bancario che ci permetta di capire se, effettivamente, la banca ci ha addebitato impropriamente delle somme non dovute. È possibile rivolgersi per questo motivo a dei professionisti del settore, che si avvalgano tra le altre cose di strumenti di calcolo specifici per capire l’ammontare degli eventuali interessi usurai, come anche l’eventuale presenza di anatocismo bancario.

In questo modo saremo sicuri di aver correttamente considerato tutte le possibili variabili, e di presentare alla banca una richiesta di rimborso interessi usurai basata su dati concreti.  

Se volete approfondire leggete l' articolo su richiesta di rimborso ad Equitalia .

 

Contattaci

Per poter valutare con maggiori dettagli la tua situazione ed aiutarti, puoi compilare i seguenti campi e inviare la richiesta di informazioni.