Equitalia

Equitalia, una parola che per molti italiani è sinonimo di “incubo”.  Un incubo che in questi ultimi anni, complice la crisi a livello mondiale, ha davvero tormentato famiglie, imprenditori e liberi professionisti e messo in ginocchio innumerevoli attività.
Ma non tutti, al di là delle tanto temute cartelle esattoriali sanno cos’è e come funziona. Scopriamolo insieme.
 
Equitaliasi occupa sostanzialmente della riscossione dei tributi, dei contributi e delle sanzioni per conto degli enti pubblici che vantano crediti. Per enti pubblici intendiamo Comuni, Regioni, Inps, Agenzia delle Entrate ecc. La società, che è a partecipazione pubblica opera in tutta Italia, ma non in Sicilia dove invece è attiva Riscossione Sicilia Spa, quasi interamente facente capo alla Regione. Per il resto Equitalia è articolata in tre sedi (Nord, Centro e Sud) più Equitalia Servizi ed Equitalia Giustizia. Quest’ultima provvede a riscuotere le spese di giustizia legate a sentenze emesse in via definitiva (es. pene pecuniarie). Ma si occupa anche di gestire in via temporanea titoli di credito o libretti di risparmio in attesa della eventuale condanna definitiva.
 
 
Nata di fatto nel 2007 da Riscossione Spa durante il governo Berlusconi, la società ha sostituito gli innumerevoli soggetti privati che operavano nel settore.
 
Vediamo ora in breve come funziona. Sono gli enti pubblici che vantano un credito a inviare ad Equitalia la lista dei debitori e le cifre da riscuotere. Queste ultime possono essere recuperate coattivamente quando il debitore non non ottempera ai suoi obblighi di pagamento. A quel punto viene inviata la cartella di pagamento con tutte le informazioni necessarie a saldare il debito. Se ciò non avviene entro 60 giorni dalla notifica si provvede a recuperare gli importi mediante azioni come il pignoramento o l’ipoteca. Naturalmente viene data tempestiva comunicazione al destinatario del provvedimento. Un’altra misura cautelare è il fermo amministrativo dei veicoli che vengono restituiti al momento in cui viene saldato il debito. In caso contrario il veicolo viene pignorato.
 
 
Naturalmente non sempre il cittadino è inadempiente. Si parla infatti di riscossione a mezzo ruolo spontanea quando al contribuente vengono richieste le somme dall’ente creditore, di solito frazionate.
 
Per pignoramento dei crediti presso terzi si intende invece quando Equitalia può riscuotere le somme dovute dal debitore da un terzo nei confronti del quale vanta un credito a sua volta.
 

Come Farsi Rimborsare Da Equitalia? Una domanda che tocca un aspetto molto importante della vita contributiva del cittadino: infatti può capitare per i più disparati motivi (un ritardato o mancato pagamento delle imposte oppure di una sanzione amministrativa subita in seguito a un’infrazione al Codice della Strada) di vedersi notificare a casa una cartella esattoriale con cui viene richiesto il pagamento di un debito.

In alcune fasi di un particolare procedimento di riscossione cartelle esattoriali fermo amministrativo di un autoveicolo diventano il secondo conseguenza diretta del mancato pagamento delle prime: infatti, fra le varie armi a disposizione degli enti riscossori per ottenere il pagamento dei crediti vantati nei confronti dei contribuenti è quella di sottoporre i veicoli che richiedono iscrizione al Pubblico Registro Automobilistico a un procedimento di fermo amministrativo.

Quando è possibile ottenere una rateizzazione delle cartelle esattoriali da parte di Equitalia? Considerando gli importi molto consistenti di alcune cartelle esattoriali che i contribuenti si vedono notificate e le situazioni di mancanza di liquidità in cui spesso proprio tali contribuenti versano, diventa evidente come ottenere la rateizzazione delle cartelle esattoriali sia una possibilità molto utile per il contribuente.

È molto importante sapere delle cartelle esattoriali cosa sono in modo preciso, perché si tratta di una realtà con cui è possibile avere a che fare nella vita di ogni cittadino e contribuente: per questo motivo è necessario conoscere bene questo particolare strumento, nel caso ci si trovi ad affrontarlo e sia necessario per qualche motivo contestarne la validità e iniziare un processo di opposizione alla cartella stessa.

Spesso cartelle esattoriali vendita immobile sono spesso situazioni che si susseguono far di loro: infatti in caso di cartella esattoriale che non sia stata pagata, che non abbia ottenuto un provvedimento di sgravio o contro cui non sia stata fatta una forma di opposizione (come una richiesta di sospensione o di annullamento) porta con sé una serie di atti, da parte del concessionario, che possono culminare con la vendita di un immobile di proprietà del debitore(

È importante conoscere le procedure di Equitalia su Come ottenere il rimborso della cartella esattoriale: infatti, l’arrivo di una cartella esattoriale è un evento molto importante, che non va mai trascurato ma che va esaminato con grande attenzione, sia che si debba effettivamente pagare quanto richiesto tramite la cartella esattoriale sia che siano presenti degli errori tali che il pagamento risulti già immediatamente non dovuto (tipico caso in questo senso è quello delle cosiddette “cartelle pazze” che richiedono il pagamento di somme non dovute: dato il fatto della chi

Cartelle esattorialiprescrizione sospensione sono possibili? Certo che si. Se malauguratamente vedete recapitarvi a casa vostra una cartella esattoriale, dovete sapere che è possibile fare qualcosa per ottenerne la prescrizione, oppure la sospensione. Ciò che conta, in ogni situazione, anche in quella poco piacevole del dover versare delle somme di denaro ad un ente di riscossione, è l’essere sempre correttamente informati sui propri diritti e sui propri doveri.

Contattaci

Per poter valutare con maggiori dettagli la tua situazione ed aiutarti, puoi compilare i seguenti campi e inviare la richiesta di informazioni.